Giannis Antetokounmpo

È stato completato solo un mese di competizione, ma Giannis Antetokounmpo raccoglie già motivi – e performance – per vincere il suo secondo premio MVP consecutivo della stagione. Il greco ha completato una performance stratosferica in cui è salito a 50 punti e 14 rimbalzi con i quali ha letteralmente distrutto (122-118) un certo Jazz incapace di trovare un modo per fermare la tempesta. E tutti prendersi cura della palla con cura. Zero fatturati e 17 ° doppio doppio consecutivo del giocatore per continuare a fare la storia.

Non importava che Khris Middleton e George Hill non fossero presenti a causa di un infortunio. Non importava che Eric Bledsoe fosse stato gravemente limitato da un problema di errore durante il primo tempo. Non importava che il Jazz avesse segnato 21 triple, distribuito 29 assist e completato un grande gioco nel collettivo. Tutto ciò era insufficiente per impedire ad Antetokounmpo di regalare l’ottava vittoria consecutiva ai Bucks.

Certo, dovevano sudare. E molto. Mike Budenholzer ha avuto problemi a mettersi in gioco, con Giannis stesso a cui mancavano i suoi primi quattro tentativi dal triplo e cinque dei suoi sei tiri dal tiro libero. La difesa non ha potuto regolare la sua produzione e il Jazz è entrato nell’equatore del terzo trimestre con un vantaggio di dieci punti. Nonostante la brutta giornata di Mike Conley, il meccanismo collettivo di Quin Snyder ha funzionato. Bodganovic –24 punti– e Mitchell –20 punti– hanno portato l’offensiva e la seconda unità ha mantenuto un ritmo elevato in ogni momento. Ma poi tutto è cambiato.

In uno sforzo sovrumano, Antetokounmpo ha guidato due set da 10-0 che hanno completamente trasformato la partita portandolo dall’altra parte della scala. Alle 2:13 alla fine della partita, il greco stava lasciando la panchina visibilmente esaurito dopo aver dato il controllo della partita alla sua squadra. Tuttavia, in un paio di possedimenti, il Jazz ha approfittato della sua assenza per aggiungere otto punti consecutivi e ottenere solo tre punti di distanza. Senza tempo per riposare, Antetokounmpo è tornato in pista e ha segnato altri quattro punti vitali. Mitchell ci avrebbe riprovato, ma la ribellione sarebbe stata mitigata da un’azione di Bledsoe e Brook Lopez che si erano messi di mezzo dalla scorta quando aveva intenzione di finire un vassoio di cinque secondi alla fine.

Quin Snyder si arrende alla performance di Antetokounmpo
La performance di Antetokounmpo non è passata inosservata da nessuno, suscitando l’ammirazione e la lode dei suoi rivali. Quin Snyder, allenatore del Jazz, non ha esitato a lodare la grande partita firmata dal greco, che si è privato dell’aggiunta di quella che sarebbe stata la quarta vittoria consecutiva per Salt Lake City.

“È un giocatore eccellente. Ha fatto esattamente tutto ciò che può fare “, ha detto l’allenatore dopo la partita. “Penso che abbia anche segnato quattro triple, quindi quando è a quel livello c’è molto poco da fare contro di lui. Penso che abbiamo fatto un ottimo lavoro cercando di stare tra lui e il cestino. Milwaukee è una grande squadra e Giannis ha mostrato perché è MVP nella seconda metà. Ma non credo che gli abbiamo reso facile. Abbiamo risposto molto bene fino a quell’ultimo possesso e mantenuto la nostra compostezza per tutto il gioco. ”

Supponendo la delusione, il Jazz avrà ora l’opportunità di recuperare la strada della vittoria. Questa è stata la prima partita di un tour fuori casa che li porterà ad affrontare Indiana, Memphis, Toronto e Philadelphia nei prossimi sette giorni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Releated

Knicks’ Julius Randle

L’attaccante di New York Knicks Julius Randle, sapeva di dover rispondere ad alcune domande relative ai Laker, dato che è programmato per tornare in California per affrontare la sua ex squadra, i Los Angeles Lakers, allo Staples Center martedì. Dopo tutto, il 25enne livido ha iniziato la sua carriera in NBA con i Lakers quando […]

Draymond Green

Draymond Green suggerisce che rimarrà nei Warriors per tutta la vita. L’università dello Stato del Michigan ritirerà i “23” di Draymond Green in una cerimonia che si terrà martedì. Il potere dei Warriors, nativo del Michigan e fan dei Pistoni da bambino, sarà entusiasta della canonizzazione della sua figura da studente; e non sarà l’unico […]